Author: Redazione

Ostello Teggiate

Estate al rifugio

L’Ostello Teggiate è il punto di partenza ideale per partire alla scoperta della Valle Spluga, un’area delle Alpi lombarde che offre una vasta gamma di percorsi trekking con vista mozzafiato sui laghi alpini e sulle vette maestose. Se ancora non la conoscete, ecco alcuni dei percorsi trekking più suggestivi della Valle Spluga.

Circondati dalla natura

La Valchiavenna, incantevole regione situata tra le maestose Alpi svizzere e italiane, è ricca di una varietà di piante autoctone che si sono adattate alle condizioni alpine uniche di questa zona. Tra le molte specie che popolano la Valchiavenna, il Monte Spluga, una delle vette più emblematiche dell’area, è un habitat ideale per diverse piante che prosperano in queste altitudini. Vediamo alcune delle piante autoctone che si possono trovare sul Monte Spluga e nelle zone circostanti della Valchiavenna: Edelweiss (Leontopodium alpinum) Tra le più celebri piante di montagna, l’edelweiss è un’icona alpina con i suoi fiori bianchi lanosi e stellati. Questa pianta è protetta e ha assunto un significato simbolico di coraggio e tenacia. Rododendro alpino (Rhododendron ferrugineum)Con i suoi fiori rosa e il fogliame sempreverde, il rododendro alpino aggiunge un tocco di colore e bellezza al paesaggio alpino durante la stagione estiva. Genziana (Gentiana) Esistono diverse specie di genziana che crescono sul Monte Spluga. Queste piante dalla fioritura spettacolare sono un simbolo di purezza e sono spesso utilizzate nelle bevande digestive tradizionali. Achillea (Achillea …

La via Spluga

La Via Spluga, nota anche come “Via Splügen” o “Splügenpass”, è un’antica rotta commerciale e strada storica che attraversa le Alpi svizzere e italiane. La sua storia affonda le radici nei tempi più antichi, ed è stata una delle vie di collegamento fondamentali tra le regioni settentrionali e meridionali dell’Europa. La storia della Via Spluga inizia molti secoli fa, quando le tribù celtiche e retiche si stabilirono nelle valli alpine. Inizialmente, questi percorsi erano utilizzati come sentieri di caccia e passi per i pastori e i viaggiatori locali. Tuttavia, con l’avvento del commercio e dei contatti tra popoli e regioni, la Via Spluga divenne un importante passaggio per il trasporto di merci e scambi culturali. Durante il periodo romano, la Via Spluga fu ulteriormente sviluppata e ampliata per consentire il transito delle legioni romane e dei commercianti. Fu una delle vie principali utilizzate per collegare l’Italia settentrionale con la Svizzera e le regioni tedesche. Questa strada strategica ha reso possibile il movimento delle truppe romane durante le campagne militari e ha favorito lo sviluppo di …

RIFUGIO TEGGIATE: SIAMO APERTI!

Siamo entusiasti di darvi il benvenuto nel nostro Rifugio Teggiate, un luogo intriso di storia e avventure montane. Siamo un gruppo di amici che ha preso in gestione questa meravigliosa struttura, costruita intorno al 1882, e siamo pronti a condividere con voi la sua storia affascinante. Per decenni, il nostro rifugio è stato un punto di riferimento per i viaggiatori che dovevano attraversare il valico delle Alpi. Era considerato un’oasi di sostegno e soccorso per il cambio dei cavalli durante l’estate e per la ripartizione delle slitte durante l’inverno. E sì, all’interno del rifugio potrete ancora ammirare l’antica fontana, ancora funzionante, dove i cavalli si dissetavano con l’acqua fresca della sorgente. Con il passare degli anni, la struttura ha subito diversi rimaneggiamenti, ma abbiamo fatto tutto il possibile per riportarla al suo originario splendore. Grazie a un’importante operazione di ristrutturazione conservativa, gli interni della Casa Cantoniera hanno riacquistato la loro bellezza originale. I pavimenti in pietra e i rivestimenti lignei sono stati sapientemente sabbiati, le pareti sono state verniciate seguendo il gusto dell’epoca e abbiamo …

I formaggi della Valchiavenna

La cucina della Val Chiavenna

La cucina della Valchiavenna è una vera delizia per gli amanti della gastronomia tradizionale e dei sapori autentici. Situata nella regione italiana della Lombardia, questa valle incantevole offre una vasta gamma di piatti tipici che riflettono la ricchezza delle sue tradizioni culinarie. Qui di seguito, troverai un elenco puntato dei piatti più caratteristici della cucina della Valchiavenna: PizzoccheriIl piatto principe della Valchiavenna, i pizzoccheri sono tagliatelle rustiche fatte con una combinazione di farina di grano saraceno e farina di frumento. Vengono solitamente serviti conditi con verza, patate, formaggio Bitto e burro fuso, il tutto strato su strato per creare una squisita armonia di sapori. SciattQuesti deliziosi bocconcini di formaggio Bitto avvolti in una croccante pastella sono un antipasto irresistibile. Sciatt significa “rospo” in dialetto locale, e il nome deriva dalla forma tondeggiante di questi sfiziosi bocconi. Crespelle della ValchiavennaSimili alle classiche crepes, queste crespelle vengono farcite con un mix di erbe aromatiche locali, come la borragine e la bietola, insieme al formaggio. Un’esplosione di gusto per il palato! CassoeulaUn piatto tradizionale invernale, la cassoeula è …

IN VISITA A CHIAVENNA

Se ancora non la conoscete, la cittadina di Chiavenna merita una visita. E non solo di sera, quando si accendono le luci dei locali e lungo il fiume. Chiavenna ha numerose attrattive che valgono bene una gita. Eccone cinque: Il castello di Chiavenna Situato nella parte alta della città, il Castello di Chiavenna è un’imponente struttura medievale che offre una splendida vista panoramica sulla città e sulle montagne circostanti. È possibile visitare le sue torri, le sale storiche e il museo al suo interno. La collegiata di San Lorenzo Questa bellissima chiesa gotica è uno dei principali punti di riferimento di Chiavenna. All’interno, potrai ammirare affreschi medievali, sculture e opere d’arte di grande valore. Assicurati di visitare anche il suo campanile, da cui si gode di una vista spettacolare sulla città. Il mulino di Bottonera Questo antico mulino ad acqua risalente al XVI secolo è un luogo affascinante da visitare. Ospita un museo che illustra la tradizione molitoria della regione, con macchinari e attrezzature originali ancora in funzione. Potrai scoprire il processo di macinazione dei …

SCIARE A MADESIMO

Fusce rhoncus placerat orci vitae commodo. Pellentesque a nibh sed ante porttitor aliquet sit amet et purus. Donec sollicitudin neque iaculis nunc posuere fringilla. Donec in cursus velit. Mauris euismod, neque ac mollis lacinia, massa metus ullamcorper felis, ut maximus felis sem in quam. Sed euismod egestas enim eu laoreet. Nunc ullamcorper turpis at maximus vehicula. Donec tellus nibh, ultricies vel imperdiet et, dignissim non est. Nullam dignissim egestas dapibus. Nulla in lorem facilisis, t empus metus vel, pharetra mi. In vel rutrum nisl, eu ultrices sem. Fusce rhoncus placerat orci vitae commodo. Pellentesque a nibh sed ante porttitor aliquet sit amet et purus. Donec sollicitudin neque iaculis nunc posuere fringilla. Donec in cursus velit. Mauris euismod, neque ac mollis lacinia, massa metus ullamcorper felis, ut maximus felis sem in quam. Sed euismod egestas enim eu laoreet. Nunc ullamcorper turpis at maximus vehicula. Donec tellus nibh, ultricies vel imperdiet et, dignissim non est. Nullam dignissim egestas dapibus. Nulla in lorem facilisis, tempus metus vel, pharetra mi. In vel rutrum nisl, eu ultrices sem.

Alla scoperta degli Andossi

Gli altopiani che si aprono lungo il Sentiero degli Andossi sono semplicemente magici per gli occhi. Le vette aguzze e imponenti circondano in un dolce abbraccio i pascoli verdi, creando un paesaggio da sogno. Distese di fiori colorati rendono il panorama simile a una tavolozza di colori, mentre il loro profumo, trasportato dal vento, inebria i sensi. E il bello è che tutto questo splendore naturale si trova a pochi passi dall’Ostello Teggiate. Il Sentiero degli Andossi inizia lungo il torrente Scalcoggia di Madesimo, proprio all’altezza del suggestivo “ponte romano”. Dopo un breve tratto in salita e una piacevole sosta presso la Chiesa di San Rocco, vi ritroverete di fronte a un altopiano calcareo che si apre davanti ai vostri occhi, regalandovi una vista meravigliosamente bella. Se avete a disposizione delle e-bike, potrete continuare la vostra avventura pedalando lungo il sentiero. Lungo il percorso, arriverete a una biforcazione che conduce entrambe al piccolo paese di Montespluga, ma con una differenza. La strada di destra è più lunga, ma offre una vista panoramica spettacolare, mentre quella …